L’Unione Europea aderisce alla Convenzione di Istanbul per la lotta alla violenza contro le donne

Data di pubblicazione: 31 Lug, 2023

L’Unione Europea ha recentemente fatto un importante passo avanti nella lotta contro la violenza sulle donne aderendo alla Convenzione di Istanbul. Questo impegno segna una tappa significativa nella tutela dei diritti delle donne e nel contrasto a tutte le forme di violenza di genere. Approvata dal Consiglio d’Europa nel 2011, la Convenzione di Istanbul è un trattato internazionale che mira a prevenire la violenza contro le donne, proteggere le vittime e perseguire i responsabili.

Obiettivi e contenuti della Convenzione di Istanbul:

La Convenzione di Istanbul è stata adottata con l’intento di combattere la violenza basata sul genere e di porre fine all’impunità per i responsabili di tali reati. Il trattato si concentra su diverse forme di violenza contro le donne, tra cui la violenza domestica, la violenza sessuale, il matrimonio forzato, il mutilamento genitale femminile e la tratta di esseri umani a fini di sfruttamento sessuale. Essa riconosce la violenza di genere come una violazione dei diritti umani e sottolinea l’importanza di affrontare le cause profonde e le disuguaglianze di genere che contribuiscono alla perpetuazione di tali crimini.

Tra i punti salienti della Convenzione vi sono:

  1. La promozione di politiche e azioni di prevenzione della violenza di genere attraverso l’educazione e la sensibilizzazione pubblica.
  2. L’adozione di misure protettive per le vittime, garantendo rifugi e supporto psicologico, legale ed economico.
  3. La persecuzione efficace dei responsabili e l’istituzione di meccanismi giuridici e giudiziari adeguati.
  4. La cooperazione internazionale tra i paesi firmatari per contrastare la tratta di esseri umani e la violenza di genere a livello transnazionale.

L’adesione dell’UE alla Convenzione di Istanbul

Il 26 luglio 2023, l’UE ha ufficialmente aderito alla Convenzione di Istanbul, dimostrando il suo impegno nella protezione dei diritti delle donne e nell’eliminazione della violenza di genere. Questa adesione rappresenta un passo significativo per l’UE, in quanto conferma la volontà di armonizzare le politiche e le legislazioni degli Stati membri per garantire una maggiore coerenza e uniformità nell’affrontare la violenza contro le donne.

L’adesione dell’UE alla Convenzione avrà diverse implicazioni positive:

  1. Protezione più efficace delle vittime: La Convenzione richiede agli Stati firmatari di fornire una protezione adeguata e misure di supporto per le vittime di violenza di genere. L’UE avrà ora l’obbligo di garantire un livello uniforme di protezione in tutti i suoi paesi membri, contribuendo a ridurre le differenze tra i sistemi nazionali.
  2. Prevenzione e sensibilizzazione: L’UE dovrà adottare politiche e azioni concrete per prevenire la violenza di genere e sensibilizzare il pubblico sull’importanza di combattere questo fenomeno. Ciò potrebbe tradursi in campagne di sensibilizzazione, programmi educativi e azioni mirate a contrastare gli stereotipi di genere e le disuguaglianze che possono contribuire alla violenza.
  3. Migliore cooperazione internazionale: L’adesione dell’UE consentirà una maggiore cooperazione tra gli Stati membri e gli altri paesi firmatari della Convenzione. La collaborazione internazionale sarà fondamentale per affrontare la tratta di esseri umani e altri reati transnazionali legati alla violenza di genere.
  4. Responsabilizzazione dei responsabili: L’UE dovrà garantire che i responsabili di violenza di genere siano perseguiti in modo adeguato e che non restino impuniti per i loro crimini. Ciò potrebbe comportare una maggiore armonizzazione delle legislazioni penali e procedurali degli Stati membri per garantire una giustizia equa e rapida per le vittime.

L’adesione dell’Unione Europea alla Convenzione di Istanbul rappresenta un passo significativo nella lotta contro la violenza sulle donne. Questo impegno rafforzerà le politiche e le azioni di prevenzione, protezione e persecuzione dei responsabili di violenza di genere in tutta l’UE.

La Convenzione di Istanbul svolge un ruolo cruciale nel promuovere una società più equa e sicura per tutte le donne e invia un messaggio forte contro ogni forma di violenza basata sul genere. Tuttavia, è essenziale che l’UE segua i propri impegni con azioni concrete come favorire un maggior inserimento delle donne nel mondo del lavoro e garantire un equo guadagno.

Secondo alcune stime del Parlamento Europeo, alle donne sono destinati ancora e in maggioranza posti di lavoro meno qualificati e i loro stipendi a parità di occupazione restano inferiori a quelli dei loro colleghi maschi. La situazione peggiora per le donne vittime di violenza o che mancano del giusto livello di istruzione.

Coinvolgendo attivamente la società civile, i governi nazionali e altre istituzioni potranno garantire alle donne indipendenza finanziaria, possibilità di decidere autonomamente del proprio futuro e dunque maggior potere sulla propria vita. Solo attraverso uno sforzo collettivo e coordinato possiamo sperare di creare un futuro in cui la violenza di genere e la dipendenza economica sia un ricordo.

Allegati

Le ultime news

Quanto vale il titolo di studio nel mercato del lavoro

by | Ott 17, 2023 | News | 0 Comments

Negli ultimi decenni, il mercato del lavoro italiano ha subito significative trasformazioni. Il contesto economico e tecnologico sta costantemente evolvendo, e molte...

A scuola d’estate: un aiuto per i genitori lavoratori

by | Set 19, 2023 | News | 0 Comments

L’estate si è da poco con conclusa, ma non senza qualche difficoltà per i genitori italiani, che ogni anno si ritrovano a dover affrontare il problema delle vacanze...

Le transizioni di vita come competenze sul lavoro

by | Ago 21, 2023 | News | 0 Comments

Intervista a Riccarda Zezza Imprenditrice, innovatrice e mamma. Riccarda Zezza è tutte queste cose insieme, nonché CEO e fondatrice di Lifeed, società di education...

L’Unione Europea aderisce alla Convenzione di Istanbul per la lotta alla violenza contro le donne

by | Lug 31, 2023 | News | 0 Comments

L'Unione Europea ha recentemente fatto un importante passo avanti nella lotta contro la violenza sulle donne aderendo alla Convenzione di Istanbul. Questo impegno segna...

Sostenibilità: la chiave per attrarre i talenti in azienda

by | Lug 31, 2023 | News | 0 Comments

Negli ultimi anni, le aziende registrano una crescente attenzione rispetto ai temi della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, poiché le persone sono sempre...

Le migliori letture HR sotto l’ombrellone

by | Lug 26, 2023 | News | 0 Comments

Le vacanze estive sono ai blocchi di partenza e inJob è pronta a consigliare una serie di letture che approfondiscono le tematiche del lavoro e possono far riflettere...

Quanto conta l’amicizia tra colleghi

by | Lug 20, 2023 | News | 0 Comments

Secondo un sondaggio di Linkedin di qualche anno fa, il 46% dei lavoratori ritiene che avere amici sul luogo di lavoro contribuisca alla loro felicità. In effetti,...

Decreto lavoro, tutte le novità

by | Lug 13, 2023 | News | 0 Comments

Con la pubblicazione in Gazzetta ufficiale, il nuovo Decreto Lavoro ha concluso l’iter parlamentare ed è diventato legge. Il provvedimento ha come obiettivo favorire...

“Zitto che ti sente”: il libro di Giuseppe Flore presentato al Career Center inJob di Verona

by | Lug 6, 2023 | News | 0 Comments

Il Career Center inJob di Verona ha ospitato, ieri 6 luglio, la presentazione del libro Zitto che ti sente (2023, Scripta Edizioni) di Giuseppe Flore, Facilities...

Lavoro e disabilità

by | Giu 22, 2023 | News | 0 Comments

Chi sono i lavoratori disabili I lavoratori appartenenti alle categorie protette, considerata la comprovata difficoltà di inserirsi nel mercato del lavoro, sono...

Nuovo Decreto Lavoro

by | Mag 29, 2023 | News | 0 Comments

Tutte le novità del nuovo Decreto Lavoro Il 1° maggio il governo ha approvato il nuovo "decreto lavoro", contenente una serie di misure tra cui il taglio al cuneo...

Occupazione Femminile in Italia - foto1

L’occupazione femminile in Italia

by | Mag 18, 2023 | News | 0 Comments

Il tasso di occupazione femminile in Italia Secondo l’ultimo Rapporto firmato da Bankitalia, Ministero del Lavoro e Anpal, l'occupazione femminile è tornata a salire...

Il mercato del lavoro in provincia di Bergamo: intervista a Chiara Bonardi, Area Manager, e Diego Simat, Branch Manager

by | Mag 11, 2023 | News | 0 Comments

Nel bilancio del 2022 sull’occupazione in Italia, Assolavoro ha parlato di una crescita sostenuta grazie all’occupazione stabile (+248mila lavoratori) mentre il 2023 è...

Welfare aziendale e i trend per il 2023

by | Mag 4, 2023 | News | 0 Comments

Non solo lavoro. Oggi, per trattenere e attrarre nuovi talenti in azienda, serve molto di più. Ci troviamo in un nuovo scenario, animato da molteplici cambiamenti che...

Lavoro: la settimana corta si fa strada anche in Italia

by | Apr 20, 2023 | News | 0 Comments

In Italia e in altri Paesi europei si comincia a parlare di settimana lavorativa corta, grazie ad alcune realtà aziendali che già la stanno sperimentando. Sebbene sia...

Come sta cambiando il mercato del lavoro tra Retention Strategy e Grandi Dimissioni

by | Mar 31, 2023 | News | 0 Comments

Nel 2022 il boom delle dimissioni volontarie ha raggiunto il suo apice, generando riflessioni interne alle aziende e analisi riguardo le condizioni di lavoro nelle...

Come favorire felicità e benessere dei dipendenti in ufficio

by | Mar 14, 2023 | News | 0 Comments

Stipendi alti e benefit aziendali non fanno, da soli, la felicità sul lavoro. Ed essere felici in ufficio è fondamentale, perché aumenta la produttività delle persone,...

Inclusività femminile e sostenibilità: Quid, la corporate partnership di inJob a sfondo sociale

by | Mar 10, 2023 | News | 0 Comments

Economia circolare e valorizzazione del lavoro femminile sono i due ingredienti principali della ricetta di Quid, la cooperativa sociale veronese fondata da Anna...

Partenza positiva per l’occupazione in Veneto con un 72,6% per la fascia 20-64 anni

by | Mar 9, 2023 | News | 0 Comments

Partenza positiva per il mercato del lavoro nel 2023. L’Istat registra un aumento dell’occupazione dello 0,2% all’inizio dell’anno, che porta il tasso di occupazione in...

Stranieri e naturalizzati nel mercato del lavoro italiano

by | Feb 23, 2023 | News | 0 Comments

L’ultima indagine dell’ISTAT ha indagato la situazione del mercato del lavoro degli stranieri in Italia per l’anno 2021. Cominciando dai dati sulla popolazione...

Hai delle domande?
Contattaci